Jermaine Jackson

Da MJJ Wiki.
240jermaine_jackson,0.jpg

Jermaine Lajuane Jackson (nato l'11 dicembre 1954 a Gary, Indiana), musicista statunitense, è stato bassista dei the Jackson 5. E' fratello maggiore di Michael Jackson.


2003

  • [RUMOR] (Indiscrezioni su Michael) LOS ANGELES - Jermaine Jackson temeva che suo fratello Michael potesse essere colpevole di molestie su minore, ma ha accompagnato suo fratello al processo perché pensava potesse commettere suicidio in prigione, questo secondo un esclusiva proposta per un libro ottenuta dal Daily News. In una bozza consegnata all'editore poche settimane dopo l'arresto di Michael nel Novembre 2003, Jermaine descrive il Re del Pop come un abusatore di droghe e alcool a volte fuori controllo con una meschina mente calcolatrice e con "un debole per i giovani bambini". La bozza di otto pagine per "Legacy: Surviving the Best and the Worst", elenca le sostanze preferite di Michael Jackson: Vicodin, Demerol, codeine, Percocet, cocaina, Jack Daniels e vino. "Sa veramente quello che fa con questi ragazzini?" si chiede Jermaine (nella bozza). "Non voglio dire che mio fratello è innocente. Non sono certo che lo sia" dice Jermaine nella presentazione del libro abbozzata da Stacy Brown, che ha co-scritto "Michael Jackson: The Man Behind the Mask" con l'ex-pr del cantante, Bob Jones. Ma l'inedito racconto di Jermaine è l'ultimo sguardo approfondito sulla star in difficoltà. Ammette che la famiglia ha protetto l'immagine di Jackson e dice che Jackson truffa, mente e ha pure cambiato il colore della sua pelle. Anche il comportamento della pop star come i suoi stessi nipoti ha lasciato la sua famiglia "scossa", secondo Jermaine. Jermaine ricorda di quando la famiglia si è riunita dopo la morte dell'ex-moglie di Tito e metà degli anni 90 e ha trovato Michael seduto sul letto con i giovani figli di Tito mentre li abbracciava in un modo sconveniente. Jermaine parla anche del bizzarro comportamento del cantante poco prima che si arrendesse alle autorità nel Novembre 2003. Rintanato in un hotel di Las Vegas, Michael stava guardando tranquillamente il DVD di "Pinocchio" con i suoi tre figli in grembo, ma più tardi è andato in collera, buttando all'aria la stanza e rompendo ogni bicchiere e lampada. Il protettivo fratello maggiore si impegnò ad aiutare Michael perché "Michael non avrebbe potuto sopravvivere un solo giorno in prigione...si sarebbe suicidato".
  • [RUMOR] (Ancora indiscrezioni su Michael) Altri commenti esplosivi nella bozza del libro di Jermaine: Ai tempi dei Jackson 5, i fratelli di Michael temevano che fosse gay. I fratelli incontravano molte donne mentre erano in tour e tutti prima o poi si sono innamorati. "Ma Michael, beh, non era interessato. Dicevamo tranquillamente che non potevamo avere un fratello gay". Michael odia gli Ebrei perché pensa che i guru di Hollywood, Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen gli rubarono l'idea dei Dreamworks studio, inclusa l'idea del logo con il bambino sulla luna. "Ma gli Ebrei sono potenti e hanno fatto molto per mettere Michael nel posto in cui è...solo un altro negro". Un Michael subdolo e calcolatore ha schiacciato le carriere musicali dei fratelli. Ma la famiglia è stata al fianco di Michael nonostante il dolore, i dubbi e i sospetti, non volendo abbandonare "il nostro piccolo fratello".
  • [RUMOR] (Indiscrezioni sui figli di Michael) I due figli più grandi di Michael Jackson avuti dall'ex-moglie Debbie Rowe sono stati procreati da un "donatore di sperma" - non nel "modo naturale" come la pop star ha insistito per anni, secondo la scioccante bozza di un libro di suo fratello Jermaine del 2003. "Mio fratello ha comprato i figli" Jermaine, 51 anni, dice in un abbozzo per il suo racconto mai pubblicato intitolato "Legacy: Surviving the Best and the Worst". Rowe, madre di Prince Michael I, 9 anni, e Paris, quasi 8 anni, è stata pagata "diversi milioni di dollari" per portare in grembo bambini inseminati artificialmente, dice Jermaine. "E' come un sancito mercato nero" dice Jermaine. Jermaine si riferisce alla Rowe come una donna "che nessuno l'avrebbe vista due volte" e dice che l'unico motivo per cui Michael la sposò fu per accontentare i suoi amici Musulmani che non approvano gravidanze al di fuori del matrimonio. Jermaine non ha dato spiegazioni su come Michael ha avuto il terzo figlio, Prince Michael II (Blanket) di 4 anni, la cui madre non è mai stata identificata. Quando la Rowe e Jackson divorziarono nel 1999, lei firmò un accordo confidenziale che le proibiva di discutere sulla "paternità dei figli, sulla condizione mentale o fisica di Michael, sull'uso di droga, e sul comportamento sessuale" secondo documenti di tribunale del 2005.


2004

  • [RUMOR] (Probabile suicidio di Michael) Un quotidiano britannico pubblica un'indiscrezione da prendere con le pinze. Un amico di Jermaine, fratello di Michael Jackson, ha rivelato al giornale che l'opinione dello stesso Jermaine nei confronti del processo al quale è atteso Jacko è semplice: qualora il cantante venisse condannato, in galera non ci andrebbe perché preferirebbe suicidarsi. La frase precisa è questa: "Michael in galera non ci va, piuttosto si suicida", avrebbe detto Jermaine.
  • [RUMOR] (Critiche al governo USA) MANAMA (Reuters) - Il fratello di Michael Jackson, Jermaine, nel Golfo per promuovere una maggiore comprensione fra i musulmani e i suoi connazionali americani, ha detto che gli islamici sono "i nuovi negri d'America". Jermaine, che si è convertito all'Islam e veste in abiti arabi, ha parlato della sua religione e delle "avventure" Usa in Iraq di fronte a un pubblico entusiasta nei centri coranici e nelle università dello stato arabo del Bahrain. "Penso che i musulmani siano diventati i nuovi negri d'America. Sono maltrattai negli aeroporti, dall'immigrazione -- ovunque", ha detto. Jermaine, che è anche un cantante, ha detto a Reuters in un'intervista: "Non sono d'accordo con il governo Usa. Quello che dicono di musulmani e arabi è tutta propaganda e lavaggio del cervello". "Non credo che sia giusto per noi andare in un altro Paese e dire agli abitanti che cosa fare e come farlo", ha detto Jermaine, che è ospite della corte reale nel regno filo-occidentale, che ospita la Quinta Flotta navale degli Stati Uniti. Jermaine si è anche detto contrario all'estremismo islamico, riaccesosi dopo l'occupazione dell'Iraq da parte delle truppe guidate dagli Usa lo scorso anno. "Capisco i loro sentimenti ma non approvo i loro metodi. L'Islam è una religione di pace. Loro si sbagliano", ha detto.


Jermaine e Jackie Jackson intervistati dalla emittente ABC (19 Dicembre 2003)

AMORE FRATERNO

La polizia ha burlato e contuso il “tanto fragile” Michael Jackson, quando la pop star è stata schedata il mese scorso per accuse di pedofilia, ha detto il fratello Jermaine a Barbara Walters dell’emittente ABC. “Per qualcuno che si consegna volontariamente, non avrebbero dovuto mettergli le manette. E ammanettarlo con le mani dietro la schiena è stato davvero grave”,ha detto Jermaine, 49 anni, in una intervista trasmessa venerdì sera alle 22,00 su 20/20. “E’ molto fragile”,cosicché hanno contuso diverse parti del corpo”. Ha detto Jermaine. “Ha avuto bisogno di un bagno”. E poi hanno detto che lo hanno chiuso dentro e hanno detto “Che odore senti lì dentro?”e non era tanto pulito. Lo stavano prendendo in giro”. Le autorità di Santa Barbara hanno negato di aver maltrattato la pop star. Il fratello più grande di Jackson, Jackie, si è unito a Jermaine, che è stato schietto nella sua difesa di Michael, mentre parlava dei problemi legali di Michael a Barbara Walters. Jermaine e Jackie Jackson hanno discusso anche della loro infanzia sotto i riflettori e quello che è oggi il quarantacinquenne Michael. Barbara Walters ha anche con i due figli di Jackie, Brandy, 21 anni, e Sigmund, 27 anni, che hanno rappato una canzone ,scritta da lui,sul guaio giudiziario di Jackson. Mentre Jermaine ha concesso diverse interviste per la tv, Jackie continua a sostenere che le accuse di abusi sessuali su un ragazzino di 12 anni, rivolte a Michael, sono infondate. “Ho cresciuto Michael”.Ha detto Jackie, 52 anni.”Gli ho cambiato i pannolini quando era piccolo….Conosco mio fratello. Michael non è quel tipo di persona. Non fa queste cose. E’ tutta una bugia che si abbatte su di lui.”

I fratelli dicono che Michael sta bene a dispetto dell’intenso scrutinio dei media. “Sta bene, sta benissimo,sa di avere l’appoggio della famiglia. Ed è molto forte.”Ha detto Jermaine alla Walters “Forte nel senso mentale, non fisico. Intendo che pesa 120 pounds. Puoi soffiargli e romperlo. Ma allo stesso tempo è molto forte mentalmente”. Il Neverland Ranch si inspira a Disney. Jermaine e Jackie Jackson hanno riferito alla Walters che Michael aveva una straordinaria ammirazione per Walt Disney, da bambino. Hanno detto che il parco a tema di Neverland è una manifestazione del suo amore per Disney e il suo interesse di rendere felici i bambini. “Sapeva cosa voleva”ha ricordato Jackie Jackson. Ha sempre studiato Walt Disney. Lo amava. Leggeva libri su di lui mentre era in viaggio. Aveva 9 anni,mi ha detto: '”Un giorno avrò una casa come questa. Vedi, Neverland è come quella che diceva lui.”. Jermaine Jackson: Michael ha un contatto con i bambini,come lo ha Topolino,e lui dà loro felicità e gioia. “Non so cosa sia. Lui ha quel dono che tutti i bambini amano.” “Potendosi permettere finanziariamente così tante cose, ha aggiunto Jermaine, Michael si è costruito questo mondo di Peter Pan,questa Disneyland,e sta rivivendo la sua infanzia”. Jackie: "Lui ama rendere felici i bambini-Lo rende felice tornare nel suo giardino e mettere il sorriso nel viso di un bambino”. La mamma sentiva che i media avrebbero preso di mira Michael I Jackson non vedevano nulla di strano nella decisione di Michael di continuare ad ospitare bambini al suo ranch di Neverland Valley,anche dopo le accuse di pedofilia del 1993. Michael Jackson non è stato mai denunciato in quel caso. Ha patteggiato una causa civile con la famiglia per una somma di 15 milioni di dollari. Ma Jackie Jackson ha detto alla Walters che la madre, Katherine, sentiva che qualche giorno i media avrebbero usato l’amore di Michael per i bambini contro di lui. “Dire a lui che non può tenere i figli,o stare lontano dai bambini,questa è la cosa peggiore che si possa dire a Jackson”. Jermaine ha sempre consigliato a Michael di non passare molto tempo con bambini semplicemente per evitare la cattiva pubblicità. “Questo mondo è malato”- ha risposto. Stanno cercando di architettare qualcosa, sia se egli smetta, sia se continui ad essere quella persona che rende felice i bambini”. Sia Jermaine sia Jackie Jackson sostengono che lo scandalo che si sta abbattendo sul loro fratello minore fa sentire il resto della famiglia rifiutata e offesa.”E’ come se avessimo lavorato duramente tutti questi anni per una musica più bella in America e nel resto del mondo, e pare che nel nostro Paese, non sei accettato”.

Jermaine intervistato da Joe Scarborough (2004)

Jermaine parla della reazione della famiglia Jackson all’intervista che Michael ha concesso il giorno di Natale a Ed Bradley, per la CBS. ”Michael è stato sincero e le sue parole venivano dal cuore. Ha detto la verità. Siamo felici e lo supportiamo al 1000%,e sentiamo che è innocente di ciò che lo si accusa. Jermaine afferma che l’opinione pubblica,dopo aver visto l’intervista,si sia accorta della franchezza di Jackson, ma cita anche la gente scettica, che non vuole credere in lui e ai maltrattamenti che gli sono stati fatti. Jermaine parla dei media e il loro modo in cui hanno trattato il caso. “E siamo delusi del sistema in cui i media hanno trattato il caso. Hanno cercato di condannare mio fratello con false accuse che non hanno fondamento-che non supportano la verità”.

Inoltre:

“I giornalisti non hanno mai detto che persona meravigliosa sia Michael. Non dicono mai che è la più grande star sulla Terra. Quando Saddam è stato catturato, non ne hanno parlato per un giorno. Poi è tornato nelle prime pagine dei tabloids, nei titoli,ma non per i suoi sforzi umanitari,bensì per le false accuse.E questo non è leale. Non è giusto. E poi avete gente come Diane Dimond o Gloria Allred che quando parlano di lui le loro facce assumono un’espressione disgustata. E non lo conoscono nemmeno.Come possono essere così piene di odio? Questa non è altro che gelosia. E sappiamo tutti a cosa porta la gelosia”.

JS: Ora, tuo fratello ha detto durante “60’” la seguente frase: ”La polizia mi ha maltrattato molto rudemente. La mia spalla è letteralmente slogata”. Ma Jermaine, come alludevi prima, molta gente indica il video dove lui saluta col braccio e facendo il segno di pace dopo essere stato rilasciato dalla custodia della polizia. Come spiega Michael e come spiegano gli avvocati la differenza fra quello che lui ha detto a “60’”,e naturalmente queste immagini in cui saluta,che abbiamo visto diverse volte in questi giorni?

JJ:"Beh,hai visto le contusioni. Conoscendo mio fratello e sapendo che è in scena,anche se stai soffrendo, devi andare avanti con lo spettacolo. E ho detto prima,quando ha cercato di allungare le braccia,non ha potuto fare più di tanto. Ma qualcuno ha commentato che non (Michael)non aveva problemi a grattarsi la testa. Riesci a vedere i graffi e i lividi sul suo braccio?Perché dovrebbe mentire su ciò?"

Jermaine continua la sua intervista parlando della fragilità fisica di suo fratello e insistendo sul fatto che è stato un errore ammanettarlo. Affronta il discorso sulla cauzione,che per la legge californiana è di £ 65000 e non $3000,000,come attestato da 3 agenzie di polizia di Los Angeles. Si affronta pure il discorso di un’infanzia mai vissuta,della loro vita a Gary e del gruppo dei Jackson 5.

JJ:"Beh,molta gente non sa nulla della nostra vita da bambini.La gente ci ha conosciuto solo come i Jackson 5.Ma c’è molto,oltre i Jackson 5,come la nostra casa grande quanto un garage a 2 posti,il duro lavoro, spalare la neve davanti a casa,durante l’inverno. E noi non facevamo tutto quello che facevano gli altri bambini,perché facevamo prove continuamente e dovevamo prepararci per gli spettacoli. Quindi, ora noi riviviamo la nostra infanzia tramite i nostri figli e i loro amici. E stiamo in mezzo ai bambini tutto il tempo."

Prossimo argomento è quello della vitiligine. JJ: “Michael ha un problema alla pelle chiamato vitiligine. Si tratta di depigmentazione della pelle. Noi lo sappiamo e lo sa anche la gente. Michael è mio fratello. Io sono suo fratello. E lui non è diverso da me o da qualcun altro nella mia famiglia.”

Altri argomenti sono: il fattore razziale ed una conseguente congiura (forse da parte della Sony, ma non la pronunciano) che può essere alla base del mancato successo dell’ultimo cd intitolato Number Ones; l’invidia, che sta alla base di tutto. Si passa quindi alla fede religiosa. Si parla di Michael come ex Testimone Di Geova. Ma argomento attuale è la presunta fede all’Islam. Jermaine dichiara di essere l’unico Musulmano della famiglia. Dichiara altre sì che Michael è un Cristiano, che è una persona molto forte, che crede in Dio, è un ottimo padre, una persona squisita ed un fratello meraviglioso. Dopo un break pubblicitario, Scarborough e Jermaine vengono raggiunti da Geraldine Hughes, ex segretaria legale di Larry Feldman, che nel 1993 accusò Michael di pedofilia. Oggi lei è una sostenitrice di Jackson e autrice di Redemption.

JS: "Jermaine, fammi cominciare con un tuo commento che ha attratto molta attenzione dopo l’arresto di Michael, cioè che questo arresto è stato una moderna forma di linciaggio. Spiegacelo. Ci credi ancora, dopo un mese o più, che è ancora una forma moderna di linciaggio. E ancora, questo linciaggio ha a che fare con la razza di Michael?"

JJ: ”Questo ha molto a che vedere con il modo in cui i media stanno trattando il caso. E dico pure che ci sono cose ancora più importanti nel mondo, ma loro mettono ancora mio fratello in prima pagina. Per esempio, la cattura di Saddam, hanno fatto pausa per un giorno, ma il giorno dopo, Michael è di nuovo in prima pagina. Lo patrocinate per le grandi cose che ha fatto? No, non lo fate. Ma parlate delle accuse e di cose non vere. E questo succede in tutto il mondo. E questo solo per buttarlo giù. Lui lo sa. Lo sappiamo tutti.” Prima di cedere il microfono a Geraldine Hughes , Jermaine finisce il suo discorso, asserendo che le notizie positive su Michael, quali le sue opere benefiche, non vengono mai considerate, mentre hanno la meglio le notizie negative, che vengono cedute con una certa immediatezza.

Geraldine parla del suo libro Redemption dove spiega passo dopo passo, e capitolo dopo capitolo, tutto il piano ben congegnato per mettere in trappola Michael.

GH: ”Ho sentito la necessità di scrivere questo libro perché non mi ero resa conto che il mondo lo giudicava colpevole perché ha patteggiato.”

Jermaine interviene di tanto in tanto affermando che la causa di questa causa è pilotata da estorsione di denaro. L’intervista va avanti e Jermaine affronta il discorso del perché Michael avrebbe riconfermato all’intervista della CBS, che non c’è nulla di male nel dividere il letto con un ragazzino di 13 anni,e che la gente si fa strani preconcetti sul caso.

JJ: “No,non ha detto se dorme con un ragazzino di 13 anni.Ha detto che se divide il suo letto,lo cede a qualcuno,mentre lui dorme per terra, ma ha anche detto che se dovesse dormire sul letto, non lo fa per farci sesso.”

E continua affermando che i giornalisti nei loro servizi amano mettere la loro opinione,e non solo riportare il fatto. Afferma inoltre che molti bambini,anche femminucce,vogliono stare con Michael, che sono attratti da lui,ma anche dagli altri fratelli.

JS:"Dimmi,quale sarà la prossima mossa della tua famiglia,e per Michael. Cosa farete ora fino all’inizio del processo per supportare tuo fratello? E siete tutti schierati dietro di lui per supportarlo al 100%? Perché naturalmente, come in ogni famiglia, ci sono stati screzi in passato. Siete tutti insieme schierati per lui?"

JJ: "Stiamo molto uniti. E continueremo ad esserlo. Organizzeremo un giorno da passare in famiglia. Penso che la prossima riunione familiare sarà a casa di Janet. E ci riuniremo. E la nuova generazione si esibirà per noi. Mangeremo e ci divertiremo tutti quanti. E continueremo a vivere la nostra vita. Sosterremo Michael al 100% e continueremo ad essere una grande famiglia. Stiamo registrando in studio un nuovo cd dei Jackson 5."

JS: Michael ne farà pure parte?

JJ: Assolutamente.

JS:Bene,quando pensi di farlo uscire?

JJ: Beh, pensiamo che sarà pronto per la prossima estate, che sarà fra poco.

JS: Molto bene. Sicuramente molta gente non vede l’ora di sentirlo. E ho apprezzato molto la vostra presenza qui,stasera. Jermaine Jackson e Geraldine Hughes.

JJ: Grazie.

Intervista al Larry King Live (15 Giugno 2005)

LARRY KING: Sta sera, in esclusiva, il fratello di Michael Jackson, Jermaine Jackson, nella sua prima intervista dopo l’assoluzione di Michael nel processo per molestie. Sarà qui per un ora. Prenderemo le vostre chiamate – in esclusiva - Jermaine Jackson al LARRY KING LIVE. Vi ricordo soltanto che domani sera il Reverendo Billy Graham, che sta facendo la sua ultima crociata a New York. Billy Graham sarà nostro ospite speciale domani sera. Con noi, dalla sua casa a Encino, California, Jermaine Jackson. Era con noi al telefono subito dopo il verdetto ora è qui, in diretta, dalla sua casa. Prenderemo le vostre chiamate. Jermaine, prima di tutto, quali sono le ultime notizie su Michael? Come sta? Cos’ha fatto oggi?

JERMAINE JACKSON: Michael si sta rimettendo. Michael si sta rimettendo,ma è un momento di allegria per la famiglia, e noi siamo molto, molto felici. Come puoi vedere, sorrido, noi abbiamo sempre saputo che lui era al 1000 per cento innocente.

KING: E’ a Neverland? O – ci sono voci che sta in un hotel.

JACKSON: Non te lo posso dire. Non posso dirtelo, Larry, ma lui è in pace a noi siamo molto felici.

KING: Qual’è la ragione per la quale mantenete il segreto sul posto?

JACKSON: Beh, Lui --- guarda cosa gli hanno fatto passare per così tanto tempo ed è il momento per lui di tornare se stesso e lasciare che la luce sia dentro di lui, e la pace. Ecco cos’è questo momento. E’ un momento di contentezza.

KING: Come va la sua salute?

JACKSON: Beh, la salute, non mangiava abbastanza. Ma è forte. Michael è molto – è probabilmente una delle persone più forti che abbia mai conosciuto, perché vederlo ogni giorno sedersi là e ascoltare quelle cose su di te e – non poter dire nulla, perché le persone ti attaccano, e nello stesso momento-- i media, e la falsa informazione e cose del genere. Voglio dire – lui è forte. Si vestiva ogni mattina. Andava in tribunale. C’era, e c’era per il verdetto. Perciò, glielo devo – è forte, una persona forte.

KING: Jermaine, tu ci hai detto – ci hai detto che non mangiava molto durante il processo. Adesso si nutre abbastanza?

JACKSON: Beh,mangiava sandwich e cose del genere, ma è molto dura. E’ davvero dura, e qualsiasi essere umano, chiunque passi una cosa del genere e ne esca come ha fatto lui, sono molto forti.

KING: Ma mangia adesso?

JACKSON: Si, mangia.

KING: Ha fatto -- c’è una breve dichiarazione sul suo sito. Naturalmente la gente vorrebbe di più. Ti aspetti che Michael faccia un’intervista da qualche parte ed esca e faccia una conferenza stampa? Cosa ti aspetti che faccia pubblicamente?

JACKSON: Non lo so proprio. Voglio dire, la famiglia è insieme. Stiamo insieme e cerchiamo di metterci tutto questo alle spalle, di guardare avanti. E Michael è stato incredibilmente forte durante questa ardua prova, ma lui è – sono abbastanza certo che lui voglia riposare. Questo è il suo più importante – riposare e rimettere ordine nella sua testa e concentrarsi soltanto sull’essere un persona. Non sul fare quello o fare quell’altro, solo riposarsi. Questo è molto importante.

KING: Pensi che sarà prudente con i media ora, un po’ più prudente su ogni tipo di intervista dopo la cosa di Bashir? Pensi che esiterà a fare qualcosa? Il suo avvocato, ieri sera e stato con noi per un’ora, e Tom ci ha detto che gli ha raccomandato di tenere un basso profilo per un po’ di tempo.

JACKSON: Anch’io gli raccomando questo, ed è ciò che sente anche lui, ma è molto, molto triste che i media, e certe persone abbiano ordini del giorno nascosti [qui non sapevo come tradurre]. Voglio dire, come ben sai, Larry, siamo stati maltrattati, siamo stati colpiti duramente, ma siamo ancora in piedi, e siamo rimasti forti e tutto questo grazie all’unità della famiglia che ci mantenuti forti durante tutta questa pubblicità (negativa) e false accuse e -- accusare qualcuno di una cosa del genere è orrendo. Ma allo stesso tempo, ha una famiglia e ha l’amore della sua famiglia e questo lo ha mantenuto forte, e Dio, che è la prima cosa, e i supporters da tutto il mondo. L’ho sempre detto, mio fratello è innocente al 1000%.

KING: Pensi -- Mesereau l’ha detto ieri sera – che molti media siano stati sleali, che si siano associati contro Michael, condannandolo prima dell’inizio del processo?

JACKSON: Certamente. Ma anche prima che iniziasse il processo, Larry, quando guardi quante volte, quanti agenti hanno mandato nella sua proprietà, come tutto è stato fatto, la cauzione, e solo -– prendere il suo passaporto, come se fosse un fuggitivo,come se avesse intenzione di fuggire. Intendo dire,trattare una persona in questo modo, specialmente Michael Jackson, che è solo la più meravigliosa delle persone. Voglio dire,mi rattrista profondamente perchè siamo nel 2005, ma non siamo ancora andati da nessuna parte. Io questo lo chiamo, come sai, un linciaggio dei tempi moderni. E lo è stato – lo penso davvero, perché le persone, gli sono tutte saltate addosso. E io ho, un fascicolo di 18 pagine dove sono scritte tutte le attività di beneficenza e le cose che ha fatto in giro per il mondo, in ogni angolo del globo, aiutando le persone, dando, dando, dando così tanto. Il mondo deve vederlo. Devono sapere che è lui veramente. Quando leggi il testo della canzone "Childhood," e la ascolti, ascolti cosa dice. Non siamo pronti. Dobbiamo andare ancora molto avanti, e siamo nel 2005. Questo mi rattrista, perché dovremmo essere orgogliosi. L’America dovrebbe essere orgogliosa di avere qualcuno come Michael Jackson.

KING: Ma, sarai d’accordo, Jermaine, che è difficile per le persone comprendere …

JACKSON: Scusa?

KING: ...un adulto che dorme con dei ragazzini,giusto? Voglio dire, è -- è insolito e difficile da capire.

JACKSON: Larry, ti fermo qui. Whoa, whoa, whoa. Larry, ti fermo qui. Michael non va a dormire con dei bambini. Gli alloggi di Michael, nel ranch, sono 2000, o più, piede quadrato [1 piede quadrato= 929,03 cm2], OK? E allo stesso tempo, Michael non dorme con i bambini. Perciò,questo è stato il malinteso che portato là [penso intenda dire che è la cosa che ha portato a creare queste accuse].E il fatto che ami i bambini e si curi di loro così tanto – ascolta la canzone "Childhood" e capirai chi è Michael Jackson,e lui sta cercando di dirlo al mondo – ma loro non vogliono ascoltare, OK? Ed è davvero pazzesco, che persino l’accusa e le autorità,le autorità di Santa Maria gli siano saltate addosso e non si siano nemmeno preoccupati che i loro testimoni e i loro accusatori fossero credibili.E’ una vergogna...

KING:Tom Mesereau ci ha detto ieri sera che potrebbe consigliare una causa, una causa dalla tua parte, per cattiva azione giudiziaria. Pensi che l’accusa non pensasse di avere un caso? Credi che loro fossero solo ossessionati da tuo fratello?

JACKSON: Erano ossessionati perché Tom Sneddon voleva una vendetta personale. Ha sprecato i soldi dei contribuenti,che dovrebbero davvero investigare su di lui e sull’intera organizzazione. Lo ripeto. Questo è ciò che sento. Ci dovrebbe essere una valutazione approfondita delle autorità, perché persone che hanno vendette personali contro qualcuno e specialmente qualcuno con una posizione, e la stampa ci salta addosso e le gonfia in maniera spropositata,e giusto? Voglio dire è costituzionale? E’ questo il periodo che stiamo vivendo? Ti dico questo, sebbene – i giurati e tutta la contea di Santa Maria siano stati fantastici, perché è questo che ci fa sorridere. E’ questo che ci fa sorridere.

KING: Facciamo una pausa e dopo prenderemo le vostre telefonate per Jermaine...

JACKSON: Nessuno ci crede. Nessuno ci ha creduto.

KING: Aspetta, Jermaine. Prendiamoci una pausa.Prenderemo le vostre chiamate per Jermaine Jackson. Lui ha parlato della canzone, Mentre andiamo in pausa, eccovi "Childhood" di Michael Jackson.

(Pubblicità)

KING: Eccoci tornati con Jermaine Jackson. Prenderemo le Vostre telefonate tra un po’. voglio parlare di alcune cose che sono state dette. Jermaine, Ci sono voci che Michael potrebbe partecipare al Live 8 di Bob Geldof. La stampa britannica afferma che lui è entusiasta di partecipare. È in programma prima del summit del G8 il 6 di luglio. Ne sai qualcosa?

J. JACKSON: No, non ne so niente. No.

KING: sulle speculazioni che lui potrebbe lasciare gli Stati Uniti? Non si sente più a suo agio qui ormai.

J. JACKSON: Abbiamo sempre amato i posti al di fuori degli Stati Uniti – Non lo so. Ma so che ha bisogno di andare e riposarsi da qualche parte.

KING: Credi che voglia lasciare – voglio dire, cambiare residenza?

J. JACKSON: Si, ne sono abbastanza sicuro. Voglio dire, Michael e americano. E’ nato Afroamericano. È nato qui. Ha fatto così tanto per il mondo. Così tanto per le persone. E per l’America. E lo ripeto, dovremmo essere orgogliosi, gli Stati Uniti dovrebbero essere orgogliosi di aver avuto un rappresentante così positivo per l’America, per il mondo. E invece, sono quelli che cercano di distruggerlo.

KING: Perciò non saresti sorpreso se andasse a vivere da qualche altra parte?

J. JACKSON: Sarei con lui, si. Non ne sarei sorpreso.

KING: "L’Hollywood Reporter" afferma che la tua famiglia sta spingendo per fare un reality show. E’ la verità ?

J. JACKSON: La famiglia sta spingendo cosa?

KING: Un reality.

J. JACKSON: Non ho mai sentito nulla del genere, Larry. E’ una sorpresa. Qualcosa di nuovo.

KING: Senti molte strane notizie?

J. JACKSON: Ne girano molte. E la cosa triste di tutto questo, è che quando vanno sui media, loro dicono le loro opinioni invece della verità. La gente parla. E allora le notizie che girano non sono vere. Le cose diventano soltanto delle orrende menzogne. Falsità, falsità, falsità.

KING: Abbiamo parlato con tua mamma prima, come sta? Come sta tua mamma?

J. JACKSON: Larry, non ti sento, se stai parlando.

KING: Come sta tua mamma?

J. JACKSON: Mia madre sta meravigliosamente. Siamo molto, molto felici. È stato un tremendo peso per lei e per l’intera famiglia. Come ti ho detto, stiamo festeggiando adesso. E lei è stata meravigliosa. È andata in tribunale ogni giorno con suo figlio. E lo avrebbe fatto per ognuno di noi. Perché lei sapeva nel suo cuore che lui e al 1000 % innocente. E allo stesso tempo lei c’era. È una madre che si prende cura di suo figlio. E c’era anche mio padre. E noi avevamo soltanto sei posti a sedere, Larry. Ecco perché non potevamo entrare, perché noi siamo 11. È forza. È unità. E il giudice non ci ha permesso di essere tutti in tribunale allo stesso momento. Ma noi c’eravamo. Facevamo i turni. Li cambiavamo ogni tanto.

KING: Ora, Tito era in aula. Tu eri in tribunale, ma non in aula. Come hai fatto ad ascoltare il verdetto? Qual è stata la tua prima reazione ?

J. JACKSON: OK, è accaduto questo, io e Janet eravamo al piano di sopra. E camminavamo su e giù. Eravamo -- così siamo andati – ci hanno messo in una stanza. Una stanza privata. E io ho sentito tutte queste – ho sentito tutte le urla, il tifo dei fans e le loro urla. Perciò sono andato alla finestra. E ho guardato fuori. E ogni volta che c’erano le urla, liberavano una colomba bianca. Credo che liberassero una colomba per ogni capo d’accusa. Così sono rientrato, e tutto d’un tratto, qualcuno è corso di sopra e ci ha detto che era innocente per tutti i dieci capi d’accusa. E ci siamo messi a urlare e saltare. È stato proprio un momento meraviglioso. Dio esiste. Ringraziamo tutti in tutto il mondo, specialmente la comunità di colore che è stata lì sin dal primo giorno. E i suoi fans che sono arrivati da tutto il mondo. È energia positiva e le preghiere. Michael ha fatto tanto bene, Larry. Tanto bene. E vorrei che il mondo potesse rendersi conto che lui è il primo sostenitore delle azioni di beneficenza tra tutte le celebrità. È nel libro dei Guinness dei Primati. E le persone devono saperlo.

KING: Ti sorprende che il sondaggio della Gallup --CNN/USA Today/Gallup dica che il 48 % delle persone non siano d’accordo con il verdetto. E che solo il 27% ne sia felice. È questa la ragione per cui parli di andare a vivere da qualche altra parte?

J. LACKSON: Ascolta, ascolta. Larry, ascolta. Questo è il mio punto di vista. I media hanno colpito la mia famiglia e Michael durante tutto il periodo del processo. Lo hanno colpito. Hanno parlato di lui, persino altri legali. E allo stesso tempo, dicono, OK, facciamo un sondaggio. Facciamo un sondaggio. OK, non abbiamo voluto parlare. Quindi dimmi, se tutto quello che sentono sono cose negative. E ancora i sondaggi sono dalla nostra parte. Ma non potete parlare di qualcuno così tanto, e dire, facciamo sondaggi. Questo è il sistema in cui viviamo. Sappiamo perché stanno facendo questo. E allo stesso, diciamo, mio fratello è innocente. E uscirà da tutto questo.

KING: Sei anche arrabbiato con Court TV? Tom li ha additati ieri.

J. JACKSON: non voglio neanche parlare di loro, perché sono degli ignoranti,persino per fare dichiarazioni come quella. E io non menzionerò i loro nomi, non se lo meritano.

Il fatto è – cosa succede in questo Paese? Cos’è successo, sapere i fatti? Riportare le notizie, non riempirle di opinioni personali, cos’è successo a questo? Intendo dire, questa America. Ma che è successo? Siamo 5 ragazzi cresciuti a Gary, Indiana, abbiamo lavorato duramente, lavorato duramente. Abbiamo avuto persone forti alle nostra spalle che hanno lanciato le nostre carriere e l’intera Motown nella quale stanno le basi del nostro successo. E siamo andati avanti con le nostre vite. E dover affrontare una cosa del genere. Abbiamo provato che il sistema e la giustizia sono al servizio (di qualcuno). [non so se è giusto qui]

KING: Così hai tutta questa amarezza?

J. JACKSON: La gente la fuori, Larry, quante persone la fuori hanno provato il sistema e per loro non ha funzionato?

KING: Si.

J. JACKSON: Così, siamo felici che Michael sia stato dichiarato non colpevole, innocente. Ma allo stesso tempo perché si è dovuti arrivare così in là?

KING: Facciamo una pausa, torniamo subito. Prenderemo le telefonate per Jermaine tra pochissimo. Sarà con noi per l’intera ora. Domani sera Billy Graham. Non andate via.

(Pubblicità)

KING: Jermaine Jackson è il nostro ospite.

Michael ha pagato milioni per risolvere le precedenti accuse. Tom Mesereau ci ha spiegato ieri sera che è stato un cattivo consiglio. Michael non avrebbe dovuto pagare nulla. Sei d'accordo?

JACKSON: Si, sono d'accordo, ma in quel periodo, Michael era in tour. Janet era in tour. Mia madre era molto malata, e lui ha creduto che non fosse il momento giusto per combattere. Ma sta volta ha combattuto, e abbiamo vinto.

KING: L'impatto sui suoi comportamenti futuri -- pensi che cambierà qualcosa di ciò che fa solo per l'immagine pubblica?

JACKSON: Larry, -- OK, Michael non è strano. Michael non -- voglio dire, sono solo un mucchio di dicerie, lo chiamano "Wacko Jacko", tutti questi nomignoli pazzi. Non fa niente. Hai mai sentito dire di lui che getta le TV fuori dalla finestra degli hotel o da fuoco e fa questo o quello? Intendo dire, quel comportamento è accettato in questo mestiere e lo sappiamo. Ma credo che se la prendano con lui perché è il più grande, grande intrattenitore del mondo, e troveranno qualcosa da dire.

KING: Ma...

JACKSON: Ci sono cose che ha intenzione di cambiare.

KING: Giusto, come...

JACKSON: Scusami?

KING: Come...

JACKSON: Beh, non permetterà alla gente di stargli così vicino, e anche noi ci assicureremo di questo.

KING: Non, non permetterà più a nessuno di approfittarsi di lui?

JACKSON: La gente ti sta intorno e ti sorride, ma hanno altri piani nascosti, e noi affrontiamo questa situazione ogni giorno. Tutti quelli che ti danno una pacca sulla spalla non sono tuoi amici. Ma allo stesso tempo, sta a noi capire chi è chi. Io so solo una cosa, tutti i miei fratelli, ci assicureremo che certa gente stia molto lontana. Molto lontana.

KING: Lui -- credi che scriverà mai un libro?

JACKSON: Non lo so proprio, Larry. Non lo so proprio.

KING: In una sua canzoni dice di essere una vittima, "Billie Jean," si descrive come una vittima. Pensi che sia una vittima?È una definizione corretta per lui?

JACKSON: Beh, quanto fai parte dell'industria (musicale) e sei in pubblico, sei vittima di ogni genere di cosa. E le sue influenze musicali, la gente prende il contesto delle sue parole nel modo sbagliato, e le cose accadono. Temo che qualche volta, quando sono fuori, ora che Michael è stato vendicato, siamo tutti -- dobbiamo tutti fare attenzione. Voglio dire, amiamo il fatto che la famiglia abbia retto e che ci sia stato un sostegno dell'intera famiglia, ma allo stesso tempo non sai mai quando qualcuno complotta o pianifica qualcosa.

KING: Descriveresti tuo fratello come infantile ?

JACKSON: Descriverei mio fratello come una persona che è in cerca dell'infanzia che non ha mai avuto, ma allo stesso tempo, lui era in mezzo ad adulti, e quando stai con gli adulti tutto il tempo, senti, chi vuole sentire tutte le cose brutte che accadono nel mondo? Michael è una persona che ama la pace. È molto umile. Lo chiamo St. Michael perché la persona migliore che io conosca, e lo credo davvero. È una persona meravigliosa, meravigliosa.

KING: Quando diventi così grande, c'è qualcuno che gli dice no?

JACKSON: Certamente.

KING: Perché a volte diventi così grande, hai potere. Chi c'è che gli dice no?

JACKSON: Mia madre gli dice no . Randy gli dice no. Noi gli diciamo no. Ma quando hai così tanto successo, credi che il tuo modo (di fare) sia positivo, il modo di fare le cose, mi riferisco alle cose che fa giorno per giorno con la sua musica e prendendo decisioni, decisioni creative e cose del genere.

KING: Continuerà a fare spettacolo?

JACKSON: Penso di sì, ma sta a lui. Lui ce l'ha nel sangue, e credo si stia solo riposando ora. Si riposa. Avrà sempre tempo, o orecchio, per una melodia o un bel ritmo, ma è stato così negativo, l'intero ambiente è stato totalmente negativo, quello che gli hanno fatto,ma comunque, lui è forte. Non gli permetterà di buttarlo giù. Intende stare in piedi e andare avanti con la sua vita.

KING: Devono mancagli gli applausi. Deve mancargli il palco.

JACKSON: Probabilmente hai ragione, ma ha un palco a casa ! Ha un palco a casa. Possiamo dargli -- gli diamo tutti gli applausi di cui ha bisogno.

(CROSSTALK)

KING: Facciamo una pausa, e torniamo con le Vostre telefonate. Avremo le telefonate per Jermaine Jackson. Un paio di annunci per il programma -- Billy Graham, domani sera. Shania Twain, Venerdì. Sabato sera, Bob Costas, presenta Vanessa Redgrave, e domenica sera al LARRY KING LIVE, conoscerete i miei figli, per la notte della festa del papà. Torniamo subito con Jermaine Jackson e le vostre chiamate.

(Pubblicità)

KING: Con Jermaine Jackson -- Columbus, Georgia – prendiamo le chiamate. Pronto.

CALLER: Salve, Larry e Jermaine. Jermaine, hai detto qualche minuto fa che I giurati sono stati meravigliosi.Come ti senti dopo che il giurato numero uno ha dichiarato in un’intervista di credere davvero che Michael abbia molestato dei bambini che ha tendenze in questo senso?

JACKSON: Beh, questa è una sua opinione, ma in conclusione: io so, Michael sa, Dio sa, nel suo cuore, che è stato una persona meravigliosa. Non ha mai fatto nulla del genere.

KING: Mobile, Alabama, pronto.

CALLER: Salve, Larry, grazie perché il tuo show è davvero giusto e bilanciato.

KING: Grazie.

CALLER: Salve, Jermaine. Michael prenderà in considerazione l’idea di far causa...

JACKSON: Come va?

CALLER: Ciao. prenderà in considerazione l’idea di fare una causa multimilionaria contro Tom Sneddon e il suo staff per il terrificante e sleale crimine che hanno commesso contro di lui

JACKSON:Beh, non ho davvero idea di cosa intenda fare, ma io lo farei.

KING: Anche Tom Mesereau ha dichiarato che lo farebbe. In altre parole, se fosse per te, faresti causa?

JACKSON: Gli darei un calcio nel sedere, yep. Hanno cercato di seppellirlo, Larry. Hanno cercato di seppellirlo ma lo hanno fatto diventare più grande.

KING: Santa Maria, California, pronto.

CALLER: Salve, Sig. King, sono Diane.

Mi chiedevo, Jermaine, come persona che conosce il Sig. Sneddon e ciò che può fare alle famiglie, mi chiedevo se il Sig. Jackson, tuo fratello, Michael, riceverà o cercherà una terapia per come è stato perseguitato o resisterà nelle mani, cito, del municipio qui nella contea di Santa Barbara?

KING: Devo dedurre che tu sia una fan dell'accusa?

JACKSON: Beh --

KING: Michael cercherà aiuto psicologico per ciò che gli è accaduto in questo periodo?

JACKSON: Credo che Michael si riposerà, che voglia – l’aiuto psicologico di Michael è la sua famiglia, e direi che è solo una questione di amore famigliare. Ma credo che verrà il momento per l’accusa e per tutti loro di affondare la cosa. Ma ora, si riposa, noi ci rallegriamo e mia madre è molto, molto felice.

KING: Com’è la sua situazione finanziaria?

JACKSON: Bene, ti dirò questo, Larry. Michael non è in nessun modo, come dicono in giro, sul lastrico. Quando hai un incredibile, incredibile elemento, strumento, come il catalogo, e quando hai altre cose. Chi è sul lastrico? Dai un’occhiata alle più grandi organizzazioni, come la AT&T e alcune delle principali compagnie Fortune 500 la fuori. In certe occasioni hanno tirato la cinghia. Questo è il momento di tirare la cinghia. Ma Michael non è assolutamente in bancarotta,ed è sempre la superstar numero uno nel mondo, addirittura più grande che nel passato.

KING: Possiede-- ,possiede i diritti musicali di cosa, dei Beatles, e di chi altro?

JACKSON: Probabilmente di chiunque faccia musica, Larry. Ma così tanti. Non c’è nemmeno il tempo di sapere tutto.Ma lui è stato molto saggio e furbo. Ma alla fine lui è una persona. Dimentichiamoci dei soldi. Dimentichiamoci di quelle cose. Michael è un essere umano ed ecco cos’è sbagliato in questo paese. Giudicano le persone in base a quanti soldi possiedono. E allora di questo -- della persona che è? Dell’amore di una persona? E dell’amore che dai agli altri? Cos’è successo a tutto questo? Cosa ci interessa – se una persona ci sta intorno e dice, ho tutti questi soldi. E allora tutti lo seguono.

Non è ciò che dovrebbe essere la vita. Giudicatelo per quello che è. Ascoltate I suoi testi. Guardate ciò che ha fatto. Guardate ciò che ha fatto nel mondo, in ogni angolo del globo – beneficenza, milioni e milioni di dollari, centinaia di milioni, donati alle persone per andare avanti nella vita. Non si meritava ciò che gli è accaduto.

KING: Wright City, Missouri. Pronto.

CALLER: Salve, Jermaine. Sono così felice che Michael sia stato assolto. La mia domanda è: Michael continuerà ad aiutare i malati di cancro come ha fatto prima? So che ha fatto terribilmente tanto per I bambini col cancro e sarebbe davvero un peccato se smettesse.

KING: Bella domanda.

JACKSON: Sono piuttosto certo che continuerà,una mela marcia non rovina tutto il cesto. È qualcosa ci così bello, aiutare e dare agli altri. Questo è quello che ci hanno insegnato. Questo è il modo in cui siamo stati tirati su, e questa è la benedizione che Dio ci ha dato, Avere il talento e attirare il pubblico internazionale per dare agli altri. Perciò sono abbastanza sicuro che continuerà, Perché è ciò per cui – è stato benedetto con tutto quel talento e tutto quel successo, per dare agli altri una vita migliore, ed ecco a cosa serve Neverland. Serve per dare ai bambini che sono malati terminali, nei loro ultimi giorni, un ultimo attimo di gioia. Non per fare ciò che hanno detto. È un posto bellissimo.È un posto meraviglioso, Neverland.

Cronologia della vita

  • 1973 - esce il suo primo album solista "Jermaine".
  • 1973 - sposa Hazel Gordy (figlia del presidente della Motown).
  • 1975 - Jermaine lascia i the Jackson 5.
  • 1976 - esce il suo terzo album solista"My name is Jermaine".
  • 1977 - nasce Jermaine,jr (soprannominato Jay) (18 Gennaio 1977).
  • 1978 - nasce la figlia Autumn Jackson.
  • 1980 - "Let's get serious" entra nella Top Ten. Si tratta di una canzone scritta e prodotta da Stevie Wonder.
  • 1983 - lascia la casa discografica Motown.
  • 1984 - Jermaine firma un contratto con la Arista Records e esce un nuovo album "Dynamite" e partecipa al reunion Tour "Victory" con i The Jacksons.
  • 1984 - la canzone "When the rain begins to fall", un detto con Pia Zadora, rimane per 4 settimane numero #1 in Germania.
  • 1985 - Forma una propria etichetta discografica, la "WORK Records".
  • 198? - nasce la figlia Dawn Jackson (la madre è Hazel Gordy(?)).
  • 1986 - nasce il figlio Jeremy Jackson (Dicembre 1986) (la madre è Margaret Maldonado).
  • 1987 - nasce Jaimy Jackson (Marzo 1987) (la madre è Hazel Gordy).
  • 1987 - divorzia da Hazel Gordy.
  • 1988 - sposa Margaret Maldonado
  • 1989 - nasce il figlio Jourdyn Jackson (soprannominato Jordan) (5 Gennaio 1989) (la madre è Margaret Maldonado).
  • 1989 - la canzone "Don't Take It Personal" è al numero #1 nelle classifiche USA R&B.
  • 1992 - è il co-produttore della serie The Jacksons - An American Dream.
  • 1994 - divorzia da Margaret Maldonado.
  • 1995 - sposa Alejandra Genevieve Oaiaza (ex moglie di suo fratello Randy Jackson).
  • 1996 - nasce il figlio Jaffar Jackson (la madre è Alejandra Genevieve Oaiaza).
  • 2000 - nasce il figlio Jermajesty Jackson (la madre è Alejandra Genevieve Oaiaza).

Discografia

  • Jermaine (1972)
  • Come Into My Life (1973)
  • My Name Is Jermaine (1976)
  • Feel The Fire (1977)
  • Frontiers (1978)
  • Let's Get Serious (1980)
  • Jermaine (1980)
  • I Like Your Style (1981)
  • Let Me Tickle Your Fancy (1982)
  • Jermaine Jackson (1984)
  • Precious Moments (1986)
  • Don't Take It Personal (1989)
  • Greatest Hits and Rare Classics (1991)
  • You Said (1991)

Fratelli